Attestato di Prestazione Energetica

 

APE

Con la pubblicazione in gazzetta ufficiale del DL 4 giugno 2013, n.63 “Disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia per la definizione delle procedure d'infrazione avviate dalla Commissione europea, nonché altre disposizioni in materia di coesione sociale.” l’Italia recepisce finalmente la direttiva 2010/31/UE introducendo quindi importanti novità procedurali in materia di certificazione energetica degli edifici.

Uno degli aspetti più rilevanti riguarda la definizione di Attestato di Prestazione Energetica degli edifici, comunemente detto APE, che va a sostituire l’ormai vecchio Attestato di Certificazione Energetica o ACE.

Con il decreto legge, all’art. 2 “Modificazioni dell’articolo 2 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192” viene introdotto anche il concetto di “Edificio a energia quasi zero”, ovvero un edificio ad elevata prestazione energetica il cui fabbisogno è ricoperto in misura significativa da energia da fonti rinnovabili, prodotta all’interno del confine del sistema.

Il decreto prescrive altresì che le prestazioni energetiche degli edifici devono essere determinate in conformità alla normativa tecnica UNI e CTI e devono fornire un bilancio energetico annuale, richiedendo perciò l’obbligo del calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici anche per la climatizzazione estiva secondo la UNI TS 11300-3: ”Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione estiva” e abrogando, di fatto, le metodologie semplificate per le valutazioni energetiche degli edifici.

È importante sottolineare che le modalità di calcolo delle prestazioni energetiche e l’utilizzo delle fonti rinnovabili negli edifici nonché i requisiti minimi da adottare saranno oggetto di decreti successivi che definiranno limiti prestazionali, fattori di conversione dell’energia e classi energetiche globali dell’edificio, inserendo anche i limiti per la prestazione estiva Epe.

Come conseguenza di quanto esplicitato nel paragrafo precedente, l’APE non è ancora completamente attuato, specialmente nelle nuove parti introdotte dal DL come il calcolo dell’EPe, e pertanto necessita ancora delle nuove linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici.

Con Termo, l'Attestato di Prestazione Energetica è a portata di click

Grazie al recente aggiornamento, Termo consente la generazione dell’attestato di prestazione energetica degli edifici, in conformità a quanto prescritto dal DL 4 giugno 2013, n. 63.
Seguirà, inoltre, a breve l’aggiornamento alla UNI TS 11300 - 3 per il calcolo dei fabbisogni di climatizzazione estiva.

Tieniti sempre aggiornato sui prodotti Namirial e approfitta della professionalità, completezza e semplicità dei nostri software.

Redigi l'attestato di prestazione energetica con il nostro software Termo

Stampa l'Attestato di Prestazione Energetica con il software Termo





Antincendio

Software prevenzione incendi, progettazione attività, impianti sprinkler...

vai alla pagina

Sicurezza cantieri

Software sicurezza cantieri, Piano Operativo Sicurezza, Psc, Duvri...

vai alla pagina

Sicurezza Lavoro

Software sicurezza lavoro, DVR Standardizzato, DVR, Duvri, OHSAS

vai alla pagina

Certificazione energetica

Software certificazione energetica, legge 10, calcolo impianti termici...

vai alla pagina

Formazione Tecnica

Corsi di Alta Formazione
Seminari Tecnici Gratuiti

vai alla pagina
Mappa sito - Privacy - Copyright - Cronologia - © 2013 Namirial S.p.A. P.Iva 02046570426